Sie sind hier: Startseite GeoPublic Italienisch

Indietro nel Passato

L´occasione di esplorare in maniera più approfondita la geologia della zona di Bonansa insieme alla propria famiglia ora è reale. Un percorso didattico sulla geologia della zona per grandi e piccoli lungo il sentiero PR-HU 214 e parte del sentiero GR-15 ora è possibile.

Durante il campo di rilevamento geologico per studenti del triennio, che viene effettuato annualmente dalla Università di Bonn, si è pensato, insieme al coordinatore del corso (Dr. Mario Valdivia Manchego), di avvicinare la popolazione locale e i turisti, che visitano l'area pirenaica di Bonansa-Laspaúles, alla geologia della zona. Per questo motivo ci si è concentrati, come prima attività, sull'elaborazione di un percorso geologico nella zona di Bonansa (Provinz Huesca in Aragon) adatto a tutte le età, da bambini ad anziani. Il percorso è composto da 10 tappe collocate sul sentiero degli eremi PR-HU 214 e parte del sentiero GR-15. Per rendere accessibile il progetto ad un'ampia gamma di persone, il percorso è stato tradotto in diverse lingue (Spagnolo, Inglese, Tedesco e Italiano).

Panorama del paese di Bonansa (Foto di Sebastian Geominy).

Logo

Per rendere più visibili e chiare le tappe del percorso si è pensato di usare come simbolo Caprina, una Rudista che ha abitato milioni di anni fa la zona di Bonansa. Il simbolo è diventato anche il logo del progetto, costituendo un ottimo punto di riferimento nella ricerca e nella comprensione della geologia per grandi e piccoli.

Caprina

"Ciao sono Caprina e sarò la tua guida in questo tuffo nel passato attraverso la storia raccontata dalle rocce che si possono trovare nella zona di Bonansa. Io sono una conchiglia ormai estinta e mi chiamano Rudista. Sono vissuta tra 125 e 100 milioni di anni fa. Io e le altre Rudiste siamo visibili in rocce calcaree che si sono formate in un ambiente di mare poco profondo e con poche onde. Noi Rudiste amiamo questo ambiente e ci siamo moltiplicate con diversi esemplari; alcune di noi hanno deciso di rimanere ferme in un posto preciso mettendo delle radici; altre, come me, hanno continuato a muoversi. Noi conchiglie siamo composte da due valve, che funzionano come dei coperchi che si aprono e chiudono. Attraverso le nostre valve abbiamo fatto entrare il cibo per nutrirci."

 

Artikelaktionen