Sie sind hier: Startseite GeoPublic Italienisch L'erosione delle rocce

L'erosione delle rocce

È quasi impossibile osservare rocce che siano rimaste immutate nel tempo in cui esse si sono formate milioni di anni fa. Oggi infatti parte dei calcari duri della Formazione di Santa Fé si è trasformata in blocchi o sassi dal profilo più o meno arrotondato come abbiamo già visto nelle Nuove Cadollas.

La deformazione è dovuta all’erosione delle superfici causata da agenti atmosferici come il vento e la pioggia che, con la complicità del tempo, inesorabile colpisce la roccia come il picchio colpisce il tronco. L’insieme dei frammenti di roccia mescolati al terreno forma un fritto misto di vari materiali, come si può osservare in questo posto, dove il calcare (Santa Fé) visto in precedenza, messo in una specie di frullatore, è stato triturato e si è mischiato con la terra prendendo il colore marrone chiaro.

Una delle forme di erosione già viste nel nostro percorso è il Carsismo che ha permesso di creare le Nuove Cadollas, ma in questo caso la deformazione è da attribuire ad una faglia che corre lungo la piccola valle.

Esistono anche altre forme di erosione, come le scanalature che formano vere e proprie docce sulle pareti delle rocce. Queste forme di erosione sono già state incontrate lungo il nostro percorso.

Erosion1.JPG

Esempio di scanalature a doccia sulla superficie della roccia (Foto Sebastian Geominy).

Erosion 2.JPG

Con il passare del tempo le scanalature diventano sempre più profonde (Foto Mario Valdivia Manchego).

Erosion2.JPG

Le scanalature possono interessare anche rocce con fossili (Foto Sebastian Geominy).

Erosion4.JPG

Piccoli torrenti possono raccogliere ciò che resta delle rocce erose (Foto Mario Valdivia Manchego).

Artikelaktionen